Alberto libero! Ora e sempre NO TAV!


ALBERTO LIBERO! SOLIDARIETA’ AGLI ARRESTATI NO TAV!

Alberto è stato arrestato insieme ad altri otto militanti No Tav nella
notte fra il 19 e 20 luglio presso il cantiere/fortino di Chiomonte dove
lo stato, la mafia e la politica vorrebbero farla da padroni per
garantire gli interessi dei pochi privati, attribuendosi inoltre il
ruolo di difensori della democrazia a colpi di lacrimogeni, manganellate
e ruspe devastatrici.

Alberto è un compagno anarchico, parte del movimento No Tav che si
oppone allo scempio della Val Susa e alla prepotenza del capitalismo,
per questo ha incontrato la violenza dello stato ed è criminalizzato per
le sue convinzioni che manifesta in ogni giorno della sua vita.

Nella notte del suo arresto il corteo No Tav è stato aggredito in modo
premeditato e violento da parte di polizia, carabinieri ed alpini che
attendevano i manifestanti al di fuori delle reti del fortino… E’
stato un agguato in piena regola che si è trasformato in mattanza (con
caviglie e braccia spezzate, teste squarciate da manganellate e la
solita pioggia di lacrimogeni): il resto sono menzogne da spacciare
attraverso i media e in particolare qualche servo giornalista senza
dignità, con l’obiettivo di nascondere la verità.

La Val Susa è occupata militarmente come una zona di guerra: le truppe
occupanti pretendono di fregiarsi del titolo di paladini della
democrazia mentre la popolazione vive in stato d’assedio permanente
senza piegarsi all’arroganza di questo esercito.

Chi ha gli occhi aperti e la mente lucida ha ben chiaro ciò che succede
e, come Alberto, ha scelto da che parte stare. È tanto più infame che
per questa scelta venga aggredito, arrestato e infangato dallo stato.
Riflettere sui rischi per la libertà ed il futuro che comporta il triste
laboratorio di repressione allestito in Val Susa è dovere di tutti. E di
conseguenza agire. Fin da ora.

Alberto uno di noi!
Liberi tutti! Lunga vita ai ribelli della Val Susa!
Ora e sempre NO TAV!

fuoricontrollo savona   –   ortiga savona   –   individualità genovesi   –
pellicceria occupata genova

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)